?

Log in

monkey

Out of order

La vita - o meglio, parte di essa - e' come l'inferno dantesco: un susseguirsi di burroni concentrici, sempre piu' affollati man mano che scendi.

Ci sono ascensori, qua e la... uno ci entra, pigia il bottone e per un pochetto vive dell'illusione di essere passato ad un burrone superiore.
Sticazzi: anche gli ascensori sono una presa per il culo. Scendono soltanto, ma dandoti un'impressione diversa.

Uscire dalla fossa in realta' non sarebbe complicato... come ci insegna Peter Pan, ti basta un pensiero felice per poter volare via.

Il problema e' che spesso e' difficile distinguere tra un pensiero felice ed un illusione... tra la polvere di fata e un dannato ascensore.
Te hai sempre l'impressione di salire, ma le conseguenze sono ben diverse.


Io sono finito in un ascensore rotto. O cosi' pensavo...


Mi sono incazzato... mi sono lamentato... ho chiesto spiegazioni... non mi preoccupava minimamente di scendere ancora piu' in basso. Anzi.
Volevo raggiungere tutte le persone che mi hanno abbandonato o allontanato, ovunque fossero.

"Sceglierei il paradiso per il clima e l'inferno per la compagnia"

Dopo esserti preparato ad andare contro cio' che sei, esser fermato da un ascensore rotto e' veramente fastidioso.

Sono testardo ed ho atteso che fosse riparato: noia, apatia.
Sono curioso ed ho smontato e rimontato: foga, frenesia.
Sono nervoso e devo aver rotto qualcosa: ansia, panico.
Sono metodico e l'ho compreso fino all'ultimo bullone: stanchezza, debolezza.

Sono sceso, qualcuno e' entrato e l'ascensore e' partito: paura.

L'ascensore, probabilmente, e' pigro quanto me... non faticherebbe mai per portare qualcuno con dei pensieri felici in un posto dal quale uscirebbe subito.

Asd... essere fortunati a volte e' seccante.

Comments

monkey

March 2010

S M T W T F S
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   
Powered by LiveJournal.com